Crea sito

Eccellenza verde: come riconoscere il vero pistacchio di Bronte

Il pistacchio è una pianta molto antica proveniente dal bacino del Mediterraneo. Sembra che il suo nome sia apparso per la prima volta nell’Antico Testamento.

Conosciuto già dagli ebrei, furono però gli Arabi nell’VIII secolo a far diventare il pistacchio un alimento di produzione e consumo in Sicilia. Particolarmente diffusa nel territorio dell’Etna, grazie alla presenza di rocce laviche, nere e ruvide, questa preziosa pianta è comunque presente su tutta l’isola.

Oggi il Pistacchio di Bronte a Denominazione di Origine Protetta è diventato un fiore all’occhiello per l’economia agricola siciliana.

Da 10 anni a questa parte l’aumentata notorietà della pianta ha fatto sì che il suo prezzo sia notevolmente aumentato arrivando a toccare, in certi casi, anche le 96 euro al Kg., considerato che il pistacchio sull’Etna c’è sempre stato e che un tempo veniva pagato quanto il frumento.

La raccolta avviene manualmente avendo cura che i frutti al momento della maturazione, che avviene tra agosto e settembre, non cadano a terra. Questi, infatti, vengono sollecitati e fatti cadere all’interno di sacchi che i raccoglitori tengono al collo o sopra teli posti sotto gli alberi.

La raccolta avviene ogni due anni per permettere alla pianta di riposare e diventare più robusta.

Ecco perché il pistacchio che compriamo o mangiamo non proviene tutto da  Bronte. Come potrebbe un territorio relativamente piccolo coprire una richiesta di così vasta portata?

E la stessa cosa vale per il pomodoro di Pachino e altre eccellenze che, seppur nella loro preziosità, non possono ridursi ad unico luogo di produzione.

Allora qual è il vero pistacchio di Bronte e in cosa si differenzia dagli altri? Gli aspetti che identificano questa tipologia di pistacchio sono:

1.La forma

Il pistacchio di Bronte si presenta in forma allungata e l’estremità del guscio non è mai troppo pronunciata.

2. Il colore

E’ di un verde che tende al violaceo con riflessi chiari in alcune sue parti.

3. Il gusto

Tende molto al dolce, è aromatico e non ha bisogno di particolari procedure per la salatura.

4. Denominazione

Purtroppo, leggere un’etichetta generica su cui è scritto “Pistacchio di Bronte” non dà la garanzia che ci troviamo di fronte all’originale. L’unica dicitura che ne assicura autenticità e provenienza è: “Pistacchio verde di Bronte DOP”.

Tutto il resto è pistacchio ma sicuramente non di Bronte.

Elena Grasso

Green Excellence: how to recognize the true Pistachio of Bronte

The pistachio is an ancient plant coming from the Mediterranean basin. It seems its name has appeared for the first time in the Old Testament.

It was known by Jewish, but in the 8th century Arabs made pistachio a common food and an element of agricultural production in Sicily. It is particularly cultivated on the rocky and lavic territory of Etna.

Today the Bronte pistachio DOP has become a flagship for the Sicilian agricultural economy.

Since ten years the increased notoriety of this plant made its price rise up to 96 euros per kilo in certain cases, considering pistachio has always existed on the Etna and it was once paid as much as wheat.

The harvest takes place taking care that the fruits do not fall to the ground. They are stressed and dropped into bags or on sheets placed under trees.

Harvesting takes place every two years to allow the plant to rest and become more robust.

That’s why the pistachio we eat or buy not everything comes from Bronte.

The same is for the famous Pachino tomatoes and other excellence although in their preciousness they cannot be reduced to a single place of production.

So, which is the true Bronte Pistachio?

1.The shape

The Bronte Pistachio has got an elongated shape and the tip of the shell is not too pronounced.

2. The colour

It’s green tending to purple with clear reflections in some parts.

3. The taste

It’s very sweet, is aromatic and does not need any special procedures for salting.

4. Designation

If we read a generic label with “Bronte Pistachio” does not give us the guarantee that we are facing the original. The only statement that ensures authenticity and provenance is: “Bronte green Pistachio DOP”.

The rest is Pistachio but not from Bronte.

Elena Grasso